“Non è colpa mia!”. Quando i bambini cercano scuse

Per insegnare la responsabilità, far capire ai figli la differenza tra spiegazione e scusa

Tutti i bambini cercano delle scuse per giustificare il loro comportamento sbagliato o gli errori. “Non è colpa mia!”, è la reazione comune quando il bambino ha combinato un guaio. “L’ho picchiato perché mi ha  preso a calci", “Non ho fatto i compiti perché il maestro ha spiegato male la lezione".

Cerchiamo di affrontare il problema in modo positivo. Non discutiamo con il bambino quando insiste che non è colpa sua, altrimenti ci perdiamo in lotte di potere. Rispondiamo con calma e diciamogli che le sue scuse per giustificare il suo comportamento non significano che egli non sia per nulla responsabile.

Per insegnare la responsabilità, bisogna far capire ai figli la differenza tra spiegazione e scusa. “Non ho fatto i compiti perché non ne avevo voglia" è una spiegazione, “Non ho fatto i compiti perché ho perso il quaderno" è una scusa. La spiegazione chiarisce la responsabilità personale, mentre la scusa cerca di incolpare altri o le cause esterne. La spiegazione aiuta gli altri a comprendere l'accaduto, mentre la scusa confonde le acque. I bambini, ma anche gli adulti, stentano a riconoscere la differenza tra spiegazioni e scuse; insegniamo ai bambini sul campo come distinguerle. Quando lui, ad esempio, espone il motivo di un suo comportamento, chiedergli se, secondo lui, quella che ha detto è una spiegazione o una scusa. Se lui ad esempio dice: “Ho avuto un brutto voto nel compito, perché l'insegnante non aveva spiegato bene", chiedergli: “Che cosa avresti potuto fare per evitare questo?” Fargli capire che lui avrebbe potuto chiedere chiarimenti all'insegnante, piuttosto che incolparlo per una sua eventuale o presunta negligenza.

È importante che il bambino si renda conto che ha a disposizione diverse possibilità di risposta al comportamento altrui. Se sua sorella gli dà un calcio, lui non ha soltanto la possibilità di restituirle il calcio. Può chiedere aiuto, dirle di smettere, scappare.

Spieghiamo inoltre che si può imparare molto dagli errori. Così non li vedranno come eventi da temere e da evitare assolutamente e di conseguenza saranno più propensi a offrire spiegazioni ragionevoli, anziché scuse, quando sbaglieranno. Che capiscano che commettere un errore non è un male inaccettabile, ma è importante fare tesoro dell'esperienza per non ripeterlo in futuro.

Infine lodate sempre il bambino quando dice la verità, così sarà incoraggiato a un comportamento trasparente e leale.

  

Fonte: Amy Morin - www.good-child-guide.com

Lascia un commento

Sabato, 22/07/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»I figli»Ascoltare i figli e dialogare»“Non è colpa mia!”. Quando i bambini cercano scuse

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.